Una sera da Sadler. Con Prest

sadler ristorante

Ero stata, per giunta anni fa ormai, da Chic ‘n Quick e mi era piaciuto, ma finalmente ho avuto l’opportunità di cenare da Sadler Ristorante, quello con 2 stelle Michelin – tanto per capirsi.
L’occasione è stata una cena a quattro mani che lo chef Claudio Sadler ha condiviso con il conterraneo Graziano Prest, chef del Ristorante Tivoli di Cortina (1 stella Michelin). Il tema della serata erano le Dolomiti e i suoi piatti, accompagnati dagli ottimi vini della Cantina Terlano.
La cena si è aperta con un piatto dello chef di casa, Canederli di salmone selvaggio affumicato con zuppa di rafano e patate. Il secondo antipasto era dello chef Prest e mi ha davvero entusiasmata: Uovo fritto in crosta di mais con asparagi, fonduta e tartufo nero. L’ultimo antipasto è stato ancora a cura di Sadler che ha proposto, a mio parere, il piatto più audace della cena, Cjalson di stoccafisso (che io adoro), acqua di verza cappuccio, cumino e salame Milano – sapori contrastanti, ma dall’unione davvero unica.

Uovo in crosta di mais, chef Prest

Uovo in crosta di mais, chef Prest

Cjaison di stoccafisso, chef Sadler

Cjalson di stoccafisso, chef Sadler

Un piatto che mi ha ricordato le estati da piccola in Romagna è stato il primo: Passatelli al Grana Padano con radicchio di Treviso e ricotta affumicata (e pensare che arriva dalle Dolomiti), ancora firmato Prest, così come il secondo, Filetto di cervo con riduzione allo zenzero. A chiudere la cena il dessert di Sadler composto da Mele caramellate in sfoglia croccante, sorbetto al sidro e frutti rossi, che faceva proprio montagna.
I vini Terlano in abbinamento ai piatti sono stati: Sauvignon Blanc Winkl 2013, che da profana mi ha davvero colpita per la sua complessità e il gusto deciso, intenso, inconfondibile, Pinot Bianco Vorberg 2011, Chardonnay Kreuth 2012 e Pinot Nero Montigl 2011 (molto interessante e complesso anche lui).
La piccola pasticceria, che quasi vale da sola una visita da Sadler talmente è buona e sfiziosa, è stata poi accompagnata da due vini d’annata, Rarità Terlano: un meraviglioso Chardonnay del 1997 e uno del 1995, che più che bicchieri sono stati un’esperienza.

Piccola pasticceria di Sadler

Piccola pasticceria di Sadler

In un ristorante davvero bello, curato in ogni dettaglio, in ottima compagnia, ho trascorso proprio una piacevole serata scoprendo e riscoprendo sapori lontani e buonissimi. Sadler più che approvato, ci ritornerò di certo, Prest mi aspetti, perché prima o poi passo pure da Cortina.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...