Salento per cinque

IMG_9028

tramonto a Santa Maria di Leuca

Ahimè le vacanze sono finite ed è il momento di fare spazio ai ricordi. Come fu per il Portogallo, ho deciso di ripercorrere qui il mio recente viaggio in Puglia.
Questo post non varrà come la Lonely Planet (che anche questa volta ha fatto egregiamente il suo servizio) e non mira a voler segnalare “i migliori posti dove” fare questo o quello (anche perché non ho potuto fare tutto). Questo è solo un racconto che può far piacere a chi c’è stato, o che, in case of, può tornare utile a chi ci andrà.

Cominciamo dai numeri: 5 viaggiatori, 8 giorni di vacanza, 1600 km percorsi in auto fra il Salento che affaccia sull’Adriatico e quello sullo Ionio, 15 città visitate e almeno una decina di spiagge, 8 ristoranti provati (6 approvati) e altrettanti vini sorseggiati, 2 bed&breakfast come casa-base. Tanto relax e divertimento.

Cisternino

Cisternino

Il nostro viaggio è iniziato da Cisternino, il borgo (uno dei più belli d’Italia – e ho scoperto che in Puglia ce ne sono ben 10 di questi) famoso in tutto il Salento per la carne alla brace. Noi siamo arrivati in centro proprio per l’ora di pranzo e ne abbiamo ovviamente approfittato per mangiare in uno dei famosi fornelli, botteghe dotate di forno a legna sui cui cuoce la carne che ti scegli direttamente dal bancone e puoi gustare in loco. In particolare ci siamo fermati all’Osteria Macelleria Porta Grande dove ci hanno accolto nonostante fossero quasi le 15.30, per gustare una bella grigliata mista. Esperienza interessante e il paese è davvero bellino: fa molto cashba, tutto bianco, e si gira in un attimo.
Cisternino è stata anche la nostra prima casa-base: abbiamo soggiornato in uno splendido b&b, La Corte del Camedrio (contrada Specchiaruzzo), formato da un insieme di trulli in aperta campagna. Suggestivo di giorno quanto di sera, è gestito da una famiglia molto cordiale che ci ha trattati davvero bene, non facendoci mancare nulla. Io ho adorato in particolare la piscina, rifugio perfetto dal grande caldo che già al mattino alle 8 cominciava a farsi sentire. Il Camedrio è la base ideale per un viaggio in valle d’Itria.

B&B Corte del Camedrio

B&B Corte del Camedrio

La sera, dopo aver trascorso la fine del pomeriggio in spiaggia a Punta Penna Grossa – decisamente nulla di che, sebbene all’interno della famosa riserva di Torre Guaceto – abbiamo visitato Locorotondo (altro fra i borghi più belli d’Italia). Già dal nome si può intuire che il paesino si snoda in un dedalo di vie in maniera circolare intorno a un piccolo centro. Un posticino grazioso. Qui, purtroppo, non abbiamo avuto un’esperienza gastronomica interessante. Abbiamo cenato alla Trattoria Centro Storico che si forgiava d’esser pluripremiata, ma sinceramente a nostro parere mediocre.

Il secondo giorno abbiamo trascorso la mattinata ad Alberobello, con le sue 1500 casette a trullo (Patrimonio dell’Umanità UNESCO) che tutto il mondo, giustamente, ci invidia. Un posto meraviglioso, fuori dal tempo, una tappa assolutamente d’obbligo se siete in valle d’Itria. Il pomeriggio, invece, è stato tutto marittimo a Capitolo (Monopoli): spiaggia sabbiosa e mare di tutti i blu possibili, un paradiso.
La sera, poi, è stata la volta di Ostuni. Un altro posto che solo l’Italia può vantare. Città bianca e stupenda, suggestiva e romantica, ci è piaciuta tantissimo. Aperitivo da Riccardo, un american bar ricavato in una grotta che si snoda però anche tutto intorno alla sala interna nella via dove ci si siede su grossi cucscinoni (bellissimo!) e cena alla Taverna della gelosia, un ristorante che è un gioiellino con la sua terrazza immersa fra le piante, sedie di ferro battuto bianche, bicchieri in ceramica e sottopiatti in vimini. Qui abbiamo mangiato alcune fra le cose più sfiziose di questo viaggio (da provare l’antipasto della casa composto da diverse specialità) e di certo abbiamo bevuto il miglior vino, Primitivo di Manduria Dop Elegia. Se passate da Ostuni, vale proprio la pena una cenetta lì (meglio prenotare).

Il terzo giorno, purtroppo, il meteo non era dalla nostra. Pioveva e abbiamo colto l’occasione per andare a visitare le Grotte di Castellana, anche queste notevoli. Noi abbiamo scelto il percorso lungo, circa 3 km fra andata e ritorno, ma l’unico che porta alla grotta bianca, la più bella.  Dopo tanto camminare ci siamo concessi la pausa pranzo in quel di Putignano, altro grazioso paesino della zona (famoso per il suo carnevale), dove con pochi euro abbiamo mangiato alla Rosticceria Fantasia dopo esserci un po’ persi fra le caratteristiche viuzze del centro.

tramonto a Tenuta Moreno

tramonto a Tenuta Moreno

La sera è stata la volta di Mesagne, paese a 14 km da Brindisi. Siamo venuti fin qui perché prima del giretto nel paese, abbiamo cenato al ristorante del Gran Hotel Tenuta Moreno, un posto a cui sono particolarmente affezionata. Una antica masseria nella più selvaggia campagna salentina, fra ulivi secolari e piante di fichi (qui c’è il più grosso ficheto della Puglia che conta 40 specie differenti) dove ho avuto la fortuna di soggiornare pochi mesi fa per lavoro e sono tornata con grande gioia. La cucina è gestita dallo chef Vicenzo Elia, che anche questa volta, ha rallegrato i nostri palati con 8, e dico 8, portate di pesce una più deliziosa dell’altra. La cortesia assoluta dello staff di questo posto fa sentire i propri ospiti come a casa, ma in una casa a 5 stelle, e per questo ringrazio ancora Pierangelo, il proprietario di Tenuta Moreno, e tutti i suoi collaboratori. Bellissimo posto, splendida serata, non vedo l’ora di tornarci di nuovo.
Anche Mesagne comunque merita una visita. Il centro è grazioso e molto luminoso con tanti localini dove bere l’ultimo bicchiere prima di andare a dormire – noi abbiamo scelto lo Splendid bar (ex 22) con Alessandro ed Eleonora i nostri insider pugliesi preferiti.

IMG_8822

spiaggia di Capitolo

Il quarto giorno subito dopo colazione abbiamo raggiunto Nardò, la nostra seconda casa-base. Qui abbiamo soggiornato al b&b in mezzo alla campagna, l’Aia di Spiridione, posticino carino (molto gentile la proprietaria), ma abbiamo sofferto la mancanza di una piscina come quella del camedrio e il cambio biancheria che non avveniva tutti i giorni.
Da qui in poi le nostre giornate sono state soprattutto dedicate al mare, mentre la sera si girava per città. Le migliori spiagge che abbiamo visto sono state sicuramente Punta Suina (spiaggia mista sabbia e scogli – un paradiso), la spiaggetta di Palude del Conte (sabbia, Punta Prosciutto) e la spiaggia, ancora sabbiosa, di Marina di Felloniche (Santa Maria di Leuca). Molto bello, ma purtroppo troppo affollato quando siamo stati noi, Porto Selvaggio – da evitare nei giorni di Ferragosto.
Le varie serate invece sono state così ripartite: la prima sera salentina abbiamo cenato con “amici locali” (simpaticissimi Evandro e Rosa) a Manduria al ristorante La corte dei vescovi. Un bel posto lontano dal centro, molto frequentato (meglio prenotare), dove sia gli antipasti vai che la pizza si sono rivelati molto buoni.
La seconda serata salentina è stata tutta per Gallipoli, classica città di mare. Simpatica, genuina. Qui abbiamo cenato in un piccolo ristorante centralissimo, Adamo – Pane Olio e Fantasia, dove in un piccolo menu si può scegliere fra piatti di terra e di mare semplici ma gustosissimi. Molto consigliato.
La terza sera, quella che si affacciava sul mio compleanno, l’abbiamo trascorsa a Otranto, altro gioiello del Salento. La città più a Oriente d’Italia è un vero formicaio: pieno di persone, di luci, di rumori che la rendono suggestiva e divertente. Da vedere senza dubbio – magari senza zeppe di 15 cm come le mie visto che è tutta un saliscendi e le viuzze sono di pietre liscissime. Molto carini i localini sui bastioni dove bere vista mare.

le luci di Otranto by night

le luci di Otranto by night

La sera del mio compleanno (e quello di Paola, altro membro del tour), invece, non si poteva far altro che godere della notte della taranta in quel di Lecce: città incredibilmente bella in tutta la sua barocchitudine (neologismo per dire che è 100% barocca e arzigogolata). Cena degna dell’occasione all’Osteria degli Spiriti, locale che mixa tradizione (al limite del kitsch con varie croci e maschere che affollano tutta una parete) ed eleganza con tavole apparecchiate impeccabilmente e candele a rendere so chic l’atmosfera – anche qui indispensabile prenotare. Per questa cena meravigliosa ringrazio ancora tanto i miei compagni di viaggio Marco, Roberto e Ivan – siete stati così teneri! – che ci hanno fatto passare davvero un bel compleanno. E dopo cena? Tutti in piazza a ballare!
La serata di Ferragosto invece, e anche l’ultima della nostra vacanza, l’abbiamo passata ancora con la super coppia Ale&Ele a Santa Maria al Bagno. Anche qui non posso far altro che decantare la scelta del ristorante Art Nouveau dove abbiamo mangiato forse il miglior pesce della vacanza. Elegante e con un menu davvero notevole, è un ristorante assolutamente consigliato (ancora una volta, meglio prenotare).

L’ultimo giorno di vacanza, nonostante la tristezza di dover tornare, è stato comunque molto bello. Sulla via per Bari, aeroporto da cui ripartivamo, ci siamo fermati nella super pittoresca Polignano a Mare. La città di Checco Zalone e Domenico Modugno assomiglia tantissimo a una cittadina greca, colorata e con un panorama mozzafiato che si può godere da diversi punti panoramici. Posto ideale per riempirsi gli occhi dei più bei colori dell’estate prima di rientrare a Milano.

IMG_9064

Polignano a Mare

Davvero ultima tappa è stata Bari, appunto, vecchia (bellissima) e nuova. Molto diversa dalla barocca Lecce, anche questa città però ha un suo fascino che la rende molto simile a Oporto fra vicoletti coi panni stesi, chiese maestose e piazze bianchissime. Merita certamente una visita.

Che dire… è stato un viaggio stupendo, ricchissimo, che mi ha fatto innamorare della Puglia, regione ospitale e bellissima. Con la speranza di tornarci presto, ringrazio chi era con me, Marco (alias Walter, il fotografo della vacanza – presto spero in una sua gallery), Roberto, Paola e, soprattutto, Ivan (che mi ha sopportata più di tutti e ha fatto in modo che potessi esserci anche io), tutti quelli che abbiamo incontrato sul percorso e tutti quelli che non c’erano, ma ci seguivano sui social e chat varie – ormai siamo sempre tutti collegati, vero Perfetti ma non troppo?

Annunci

Un pensiero su “Salento per cinque

  1. Pingback: Malin+Goetz, ah quanto vi rivorrei | FraAndTheCity

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...