Portogallo dreaming

Lisbona

Potrebbe essere il primo post di una lunga serie, oppure rimanere un caso isolato questo desiderio di raccontarvi la mia vacanza estiva. Fatto sta che, consigliando vivamente questo viaggio portoghese, vi racconto 7 giorni meravigliosi: da Porto a Lisbona, tutto d’un fiato.
Giorno1
Siamo partiti, io, Lollo e Anna, il pomeriggio del 14 agosto (giorno del mio compleanno) con un volo in ritardo di un’ora della Tap (compagnia di bandiera portoghese) da Malpensa: ritardo e aspetto scandalosamente poco sicuro dell’aereo a parte, siamo giunti felicemente all’aeroporto di Oporto dove, arrivate molto velocemente le valigie, abbiamo ritirato (iniziando a farci un’idea dell’assoluta lentezza e disorganizzazione portoghese) in circa 75 minuti la nostra auto noleggiata con Guerin. Prima nota dolente della vacanza: Fiat Punto Evo pagata come l’oro assolutamente inadatta alle continue salite e discese del paese più irregolare del mondo. Compagnia di noleggio pessima, per giunta.  Quindi, se potete, noleggiate con altri e non accettate la Evo. Abbiamo comunque alla fine raggiunto il Residencial Faria Guimarães (wi fi gratis) in Rua Faria Guimarães 179, il nostro alberghetto dignitoso ed economicissimo, molto vicino al centro città. Lo consiglio sicuramente per la posizione, il costo, la pulizia e la gentilezza del personale, un po’ meno per il bagno che avevamo noi in camera che, nel nostro caso, era tipo stato ricavato in un ex armadio secondo me, quindi era piccino e non comodissimo, ma per una notte e per quello che abbiamo speso, direi che non ci si può proprio lamentare.
Porto è una città romanticamente decadente, piuttosto lugubre (non c’era un gran bel tempo quando siamo arrivati noi, e forse questo ha contribuito) e che rispecchia in pieno la saudade portoghese. La domenica poi era tutto, e dico tutto, chiuso, quindi difficile anche analizzare. Perciò anche tutti i ristoranti raccomandati avevano la serranda abbassata e non posso consigliarvi quello dove siamo finiti noi, tal A Brasileira, dove abbiamo mangiato decisamente male, nonostante la solerzia del cameriere e l’impegno del pianista che animava il locale che mi ha cantato in tutte le lingue possibili “Tanti auguri”.
Giorno 2
Il 15  abbiamo ancora dedicato la mattinata a Oporto, girovagando e pranzando nella zona “al di là del ponte”, dove ci sono tutte le cantine del famoso e omonimo vino. Purtroppo, essendo ferragosto, anche qui con le aperture non abbiamo avuto fortuna, e le cantine le abbiamo apprezzate da fuori. Per il pranzo abbiamo scelto Bacalhoeiro, un ristorante dove abbiamo mangiato spiedini di pesce piuttosto buoni, ma non molto caldi, e decisamente non imperdibili. Molto bello però il locale che ha alcuni tavolini fuori, proprio sulla strada, e un locale interno molto curato dove abbiam mangiato noi.
Lasciato Porto, ci siamo diretti verso la nostra seconda tappa: Braga, una bella cittadina un po’ più a nord. Qui abbiamo visitato la cattedrale , i vicoletti del centro, il giardino botanico alle spalle della biblioteca, ma soprattutto abbiamo assaggiato per la prima volta una delle cose più buone  da mangiare in Portogallo: i pastéis de nata, altrimenti chiamati pastéis de Belém, luogo in cui sono nati, ma davvero buoni anche qui. Per la cena poi abbiamo scelto un grazioso bistrot: la taperia Palatu in rua Dom Alfonso Henriques 35, dove abbiamo bevuto sangria e assaporato un altro dei piatti tipici portoghesi: un pasticcio d’uovo con asparagi e dadini di prosciutto affumicato, una vera delizia per una modica cifra. Qui buono anche il caffè. La notte l’abbiamo trascorsa nell’hotel Dom Vilas (wi fi gratis), un modesto, ma dignitosissimo, alloggio. Camera grande e pulita, arredo spartano, così come la colazione, ma comunque consigliabile.
Giorno 3
Il mattino del 16 abbiamo visitato il Santuario do Bom Jesus do Monte che si trova a 7km da Braga, ma vale decisamente la pena. Essendo un po’ in montagna fa un po’ più freschino e si deve fare una bella salita per raggiungerlo, ma il belvedere è davvero meritevole. Lasciato il santuario siamo partiti alla volta di Guimaraes, una cittadina nel distretto di Braga, dove abbiamo visitato il Paço dos Duques de Braganç (scambiandolo involontariamente per il più famoso, e credo meritevole, castello), costruzione gotica che ormai ha decisamente poco della bellezza originale, e la chiesa di Nossa Senhora de Oliveira, proprio in centro città. Cittadina carina, ma giusto una tappa di passaggio per arrivare nel pomeriggio a Coimbra. La città di Coimbra è famosa per la sua Università, fondata nel 1290, fra le prime in Europa e decisamente la main attraction del luogo. A oggi è il maggior centro universitario del paese anche se fu in realtà fondata a Lisbona e trasferita a Coimbra poi nel 1537. Da allora ha avuto fra i docenti i maggiori intellettuali e artisti europei e questo le ha dato fama facendola assurgere a centro universitario di eccellenza.  Altra eccellenza del luogo è di certo il ristorante Ze Neto (R. Azeiteiras 8), dove ho mangiato il miglior agnello della mia vita, così come dolci da vero capogiro. C’è sempre molta gente, quindi è bene armarsi di pazienza, che viene poi ripagata dalla qualità del cibo, dalla gentilezza dei proprietari e del conto assolutamente onesto. Siamo usciti con la convinzione che valga la pena passare da Coibra anche solo per cenare qui. Da provare. La notte  l’abbiamo tascorsa all’hotel Dona Inês (no wi fi gratis, davvero brutto gesto), non male a livello di colazione, piuttosto abbondante, ma pessimo per quel che riguarda il personale e le stanze: decisamente piccole, soprattutto per noi che eravamo in 3. Dovessi tornare, cercherei altrove.
Giorno 4
Lasciata Coimbra, siamo partiti alla volta di Tomar, cittadina pittoresca, dove abbiamo visitato il bellissimo Convento dell’Ordine di Cristo (visita di circa 90 minuti, ma ne vale la pena), il centro storico e il lungo fiume (davvero ben fatto) e la sinagoga, che consiglio giusto se vi ci imbattete passeggiando a caso nei vicoletti cittadini perchè non è nulla di che. Pranzo pessimo in un ristorante italiano segnalato anche sulla nostra Lonely Planet, ma davvero senza motivo. Non mi ricordo nemmeno il nome, ma rifuggete da tutto ciò che dovrebbe esser italiano e fermatevi in un baretto a caso, avrete di certo più soddisfazione. Ripresa la nostra Evo, siamo poi giunti a Fatima, dove abbiamo fatto tutto ciò che si deve: acceso i ceri, pregato nella chiesa vecchia, pregato pure in quella nuova, risparmiandoci solo il percorso d’espiazione sulle ginocchia dall’uno all’altro edificio. Per chi crede, un giro val la pena di farlo in questo luogo di culto, per chi non crede invece, ritengo sia comunque un’esperienza da fare, soprattutto se decidete di soggiornare come noi in un albergo a 4 stelle super lusso. Il motivo della scelta esosa? Abbiamo approfittato di una offertona booking.com che offriva questo albergo praticamente sulla piazza centrale a un terzo della cifra di listino: hotel Santa Maria, consigliatissimo. Per la cena, però, ci siamo trasferiti a Leiria, cittadina a una mezz’ora da Fatima, perchè a Fatima non c’è davvero nulla. Qui abbiamo cenato in un gran posto che consiglio vivamente: Mata Bicho, nella piazza principale. Una specie di bistrot, unito a un carinissimo localino notturno, dove si mangiano vere prelibatezze (tipo un formaggio simil gorgonzola con dei mini fichi da leccarsi i baffi) e si beve davvero bene, sempre a una cifra contenuta. Consigliatissimo.
Giorno 5
Lasciata la città dell’apparizione e dei segreti, verso ormai Lisbona, ci siamo fermati prima a Alcobaça, dove abbiamo visitato il fantastico Monastero di Santa Maria (visita un’oretta circa) e gustato un’altra delle prelibatezze del Portogallo: una cornucopia, tipo di pasta di frittella, alla crema d’uovo e cannella. Qualcosa di eccezionale. Altra tappa pre Lisboa, ci siamo fermati a Obidos, un gioiellino di cittadina, molto simile a un paesino greco, sui toni del bianco e blu, casette colorate e baretti contornati di fiori, davvero bella. Qui abbiamo pranzato mangiando frittata di gamberi alla Adega do Ramada, sotto le mura in Travessa Josefa d’Obidos. Ottima. Nel tardo pomeriggio poi, siamo giunti a Lisbona. Trovato il nostro hotel (As Lisbona, wi fi gratis e metro proprio all’uscita, qundi comodissima), che sembrava molto più un motel, abbiamo preso la metro per il centro (Rossio) e abbiamo iniziato a vedere le zone più turistiche e comunque imperdibili, fra cui Praça da Figueira, Praça do Comércio, Rua Augusta, Elevador de Santa Justa, Praça Marquês de Pombal per poi andare su al Barrio alto e cenare. Abbiamo scelto un ritorante che ci hanno consigliato due amici conosciuti a Coimbra e che vale decisamente la pena, A Camponesa de Santa Catarina (rua merechal saldanha 23), dove abbiamo bevuto un ottimo vino e mangiato un tonno divino, per non parlare del dulce de leiche, il più buono che io abbia mai mangiato. Da provare. Il dopo cena è stato trascorso fra una tequila e l’altra nei fantastici baretti del barrio dove si beve tanto e si paga poco. Unica pecca sono le gambe estremamente pesanti che uno si deve trasciare poi in giro il giorno dopo in una città che è tutta una salita e discesa.
Giorno 6
Il secondo giorno lisbonese abbiamo deciso di iniziare la visita della città partendo dal Castelo de São Jorge da cui si vede tutta la città e per arrivarci, essendo posto sopra il quartiere dell’Alfama, bisogna fare parecchia strada in salita. Si può anche prendere uno dei fantastici trammini che portano quasi fino al castello, passando dal Miradouro de Santa Luzia, imperdibile. Il castello comunque bello, vale la pena visitarlo per vedere Lisbona dall’altissimo e anche per il periscopio installato su una torre che permette di ammirare un panorama molto particolare della città. Scesi dal castello, abbiamo deciso di visitare il quartiere Expo, il più moderno di Lisbona, nuovissimo perchè nato intorno al 1998, anno appunto dell’esposizione internazionale. Da qui parte il ponte più lungo d’Europa, quello di Vasco da Gama, con i suoi 17,2 km di lunghezza, e vi sono diverse strutture e musei fra cui l’oceanografico e il museo della scienza. La sera poi, abbiamo deciso di andare a cena sul mare, a Cascais, cittadella a una mezzora da Lisbona (poi noi ci abbiamo impiegato circa 1h e 30 min ad arrivare perchè, causa festival estivo, c’era tutto il mondo a Cascais quella sera). Lì abbiamo cenato in un bel posticino, all’Apeadeiro, sull’Av. Vasco da Gama 252, dove abbiamo gustato la tipica picanha, la carne alla griglia brasiliana/portoghese, tagliatelle ai gamberi e Martini, Porto di ottima qualità e cheesecake ai lamponi, come sempre stando sulla ventina di euro a testa. Visti anche i fuochi d’artificio sul mare, siamo tornati poi in hotel.
Giorno 7
Finalmente è arrivato il giorno di Belem e dei suoi tipici Pasteis, qualcosa di assolutamente godurioso e buonissimo. Dopo aver visitato la cattedrale di Belem, con annesso monastero (Monastero dos Jerónimos), molto bello, ci siamo fiondati a far colazione alla Antigua Confetaria de Belem, in rua de Belem 84, dove abbiamo assaporato seduti a un tavolino in una delle mille sale interne della pasticceria, i nostri pasteis caldi e croccanti, spolverati di cannella e zucchero. A farci compagnia poi, Simone, un ragazzo che abbiamo conosciuto lì che ci ha raccontato storie bellissime su Lisbona e il Portogallo, allietandoci la degustazione e dandoci molti consigli su come godersi al meglio la città. Tornati in centro abbiamo deciso di buttarci fra gli strordinari vicoli dell’Alfama, il quartiere più antico e suggestivo di Lisbona. Qui non c’è un percorso da seguire, ogni vietta ha il suo bello e val la pena di lasciarsi guidare unicamente dall’istinto. Tornando in hotel abbiamo poi percorso la famosa avenida da liberdade, dove purtroppo però tutti i negozi fashion erano chiusi, nonostante fosse sabato pomeriggio, ma probabilmente erano ancora chiusi per ferie. La nostra ultima sera l’abbiamo passata girando ancora per i più famosi quartieri del centro, Baixa, Rossio, Piazza del commercio, fino al Barrio Alto, dove abbiamo cenato in un ristorante fantastico, mangiando una delle cose più buone della vacanza a mio giudizio: la salsiccia di bacalhau (alhei bacalhau), e cioè una vera salsiccia, ma con all’interno il pesce e non la carne come siamo soliti mangiarla noi. Abbiamo anche bevuto il vino verde Alvarinho, altra particolarità del luogo e assaggiato diverse altre specialità, fra cui il riso dolce al latte e cannella. Per godere di tutte queste prelibatezze: Restaurante 151, rua da rosa 151. Il personale è gentilissimo, assolutamente portoghese come la sua cucina, da provare. Così si è conclusa la nostra meravigliosa vacanza on the road e che, grazie alla splendida compagnia dei miei amici Anna e Lollo, non dimenticherò mai. Un grazie anche a tutte le persone che abbiamo incontrato sul nostro cammino, di molte delle quali non so nemmeno il nome, ma che hanno contribuito a rendere ancora più speciale il nostro viaggio con consigli, pareri e anche solo 4 chiacchiere fra italiani.

Annunci

Un pensiero su “Portogallo dreaming

  1. Direi che non potevi raccontare in modo migliore la nostra avventura! Fra paesaggi, castelli, monasteri, cucina e compagnia.. che dimenticare?! NIENTE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...